01 marzo 2008

MERAVIGLIE AUSTRALIANE

Eccomi qui. Cerco di riprendere il filo. Allora, la valigia e` arrivata finalmente, con qualche buco e molte ammaccature, ma e`presente, ho scoperto che si erano dimenticati di caricarla a Roma. No comment. Non scrivo niente di piu su questa cosa, nessuna novita sulla gestione delle valigie in Italia.

Oggi c`e` grande fermento qui a Sydney per il Mardi Grass, ovvero una specie di Gay Pride. Ci sono ragazzi e ragazze tappatissimi, sembra una festa di carnevale. In giro si vedono tranquillamente gay e lesbiche che si fanno i cavoli propri, alcuni si preparano per la festa, altri che arrivano dalle citta` qui vicine per l`evento, un gran giro insomma. anche in questo l`Australia e` meravigliosa, nel senso che si riesce a meravigliarsi si molte piccole cose.

Qui si mostrano oppure da noi si nascondono?

Tutto e` da ricondurre alla nonchalance con cui vivono "no worries,
no problems" ecc ecc sono espressioni che si sentono spesso dire senza strane falsita`, ma con tutta la disponibilita` possibile. Due esempi: la vecchia giapponese e l`indiano.

La vecchia giapponese, l`ho fermata per strada qualche giorno fa per chiedere dove avrei potuto trovare due tre cose per rifarmi il beauty case dis-perso, ciccola e ciaccola, entriamo nel discorso e alla frase "mi hanno perso la valigia", lei mi ha risposto con un sentito "oh my god". Beh, ci sono rimasta perche era piu sconvolta di me, un`empatia davvero esorbitante.

L`indiano l`ho incotrato ieri durante la gita alle Blue Mountains. Stavo scattando delle foto (nb: dopo 3 giorni ho gia "fumato" la scheda da 4 GB, tra foto e video, ammazza oh!), lui, da tre metri di distanza, mi viene incotro dicendo "excuse me", "si?" "ti rovinato la foto?" "sorry?" non ci potevo credere mi ha chiesto se per quache strano motivo mi era passato davanti mentre scattavo, tra l`altro da una distanza non cosi ravvicinata. Troppa premura. Troppa premura loro, o poca premura noi. Siamo cosi abituati ad essere incazzati nel nostro paese che ormai mandare a quel paese uno capita 10 volte al giorno, per mille motivi. Quando arrivi qui devi davvero resettarti, primo perche non c`e davvero motivo di mandare a quel paese nessuno, poi perche tutta questa cortesia non fa parte del nostro modo comune di fare, al di la di quello personale, quindi bisogna rieducarti ad un altro modo di pensare.

Un altro esempio di nonchalance e` come tutti girino con le infradito ai piedi, dalla vecchia sul treno, alla super patatonza bionda vestita da ufficio fino alle caviglie, con delle easy infradito. Non c`e che dire e` proprio easy life.

Questo viaggio vacanza volevo proprio che fosse cosi, molto easy, dalle mie parti si direbbe uno stile "sbragato" nel senso di poca o limitata attenzione al vestiario e molta disinvoltura in quello che si fa e si dice, pochi atteggiamenti e molta spontaneita`.

E` strano perche ora mi viene in mente una certa di via di una certa citta`, non faccio nomi ma potrebbe essere ovunque, dove se non giri con la borsetta con la scritta giusta sei nullo. E` proprio vero che ognuno ha il suo metro di giudizio. Questa relativita` e` bellissima. Essere qualcosa ed essere altro. Comunque quando in certi contesti in Italia mi sentivo fuori luogo, qui non mi e` mai successo, anzi mi sento piu a casa che a casa mia.

Ieri, ho passato la giornata alle Blue Mountains, fantastico! sara` che amo i boschi e le foreste, quindi non sono molto obiettiva, ma se uno ama la natura, qui in Australia la vede talmente grande e moltiplicata, che quasi sembra di non vedere tutto. Ti abiutui a pensare in grande, perfino le nuvole sono piu grandi.

In questi giorni ho preso contatto con qualche membro del Tripforum, il Lucio compaesano, con cui abbiamo parlato delle tristi mete turistiche quotidiane delle nostre zone, e la Bradipa (Chiaretta) con cui ho condiviso una seratona, tra birra, gnocchi australiani ed un po di romanesco.

La famosa "compa" non manca, quindi, qui si puo essere da soli ma non si e mai soli, si riescono a condividere molte cose e a fare nuove conoscenze, un po di mondo non guasta mai.

Del mondo non si e visto mai abbastanza.

Tra qualche giorno lascio dvvero a malincuore Sydney, destinazione Whitsunday Islands, mare, spiagge e qualche grado in piu.

Alle prossime nius.

2 commenti:

olivastro ha detto...

Godo a leggerti lo dico e lo dirò sempre. Che mi dici delle Blu?...aspetta di vedere le Whit!!!
Sono sempre qui che sbircio...per la foto in costume...capisco..ti è arrivata da poco la valigia...ahahahahah
Stammi bene e saluta tutta la banda del forum.
L'Olivastro.

Lucio ha detto...

Piacere di averti conosciuto, divertiti nel resto del viaggio e a presto, magari a Sangio! ;-)
Lucio